ARIE SQUILLANTI DA SCARLATTI A TARTINI (A Piazza Navona) 
La musica barocca gode di sicuro gradimento. In modo particolare quando si mostra nei suoi aspetti più innovativi e spettacolari. Come nel poco frequentato repertorio di arie con tromba obbligata in cui la voce gareggia con lo strumento guerresco. Oggi alla sagrestia borrominiana della Chiesa di S. Agnese in Agone a Piazza Navona … la voce sicura del giovane emergente soprano Alla Gof dialogherà a distanza con la tromba di Sandro Verzari…. 
R.C. (IL TEMPO, 24 giugno 2005)
 

 
SPETTACOLI A ROMA 
La Traviata di Verdi al festival di Mezza Estate L’esecuzione dell’opera sarà preceduta dal «salotto lirico» ospitato nel Teatro di Talìa GIORNATA dedicata alla lirica oggi nel Teatro Talìa al Festival di Mezza Estate di Tagliacozzo: alle 17,30 salotto col soprano Gabriella Tucci, con la partecipazione di Luca Del Fra e Lucia Bonifici. Alle 20,45 «La Traviata» di Verdi in forma di concerto, con l’orchestra dell’Accade­mia d’Opera Italiana guidata da Sergio Oliva, che al Teatro dell’Opera di Roma ha diretto «Aida», «Rigolet­to», «Tosca», «Turandot». Accanto al tenore Sandro Ferri (Alfredo) e al baritono Clemente Franciosi (Germont), la protagonista Violetta Valery sarà il giovane soprano russo Alla Gof. Diplomata alla Scuola Superiore di Astrakan e all’Ac­cademia di Arte Scenica di Mosca, frequenta a Roma i corsi di perfezionamento «Opera Studio» di Renata Scotto all’Accademia di S.Cecilia: in Italia poi ha canta­to brani sacri di Vivaldi, Scarlatti, Pergolesi col Romabarocca Ensemble e col Coro Lirico-Sin­fonico Romano di Stefano Cucci e ha in repertorio oltre a «La Traviata» anche «Rigoletto» di Verdi, «Carmen» di Bizet, «Eugenio Onegin» di Caikocvsky, «La Bohème» di Puccini. Dell’impegnativa parte di Violetta, Alla Gof dice: «Le difficoltà del ruolo non sono solo vocali, ma soprattutto interpretative. Basti pensare al drammatico duetto con Alfredo nel III atto». 
P.P. (IL TEMPO 9 agosto 2005)
 

 
"XXI Festival Internazionale di Mezza Estate” e al Teatro Fenaroli per l’Estate musicale Frentana di Lanciano
...Alla Gof, la critica la definisce "una promessa della lirica che per l’occasione ha avuto Gabriella Tucci come madrina di lusso”.
Lucio Lironi (SIPARIO, genn. febbr.2006)
 

 
BAROCCO, MUSICA E CANTO 
Con il Tema con Variazioni di Tartini e la Sonata F.XIV n.1 di Vivaldi, rese con grazia e notevole cantabilità espressiva. Si sono poi alternati in un affascinante repertorio il soprano Alla Gof e il controtenore Mario Bassani, entrambi dotati di un’emissione sonora tesa al massimo equilibrio con la parte strumentale e di una purezza timbrica tipicamente barocca. Prezioso dunque l’ascolto delle cantate di Carissimi (Scrivete, occhi dolenti), Albinoni (Son qual Tantalo novello e Chi non sa quanto inumano) e Vivaldi (Alla caccia dell’alme e dei cori)… 
L. C. (LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, Bari 27 febbraio 2006) 
 

 
60° STAGIONE LIRICA SPERIMENTALE - Spoleto 2006 
"Probabilmente la parte tecnicamente più difficile è quella di Didone, la cui infuocata passione per l’invitto troiano è resa in musica con una pioggia di vocalizzi, perigliosi salti di registro, virtuosismi…Meglio è andata Alla Gof per la sicurezza e compattezza vocale che le hanno permesso una più nitida accensione sugli acuti nonché limpidezza nelle colorature.” 
Luca Del Fra (Lo specchio appannato della memoria - in L’OPERA, Ottobre 2006)
 

 
AMICI DELLA MUSICA - Udine
In ciò, peraltro, ben affiancato, nelle parti in duo, dal giovanissimo soprano Alla Gofuna voce molto intonata e ricca di fascino che ben si fonde con la forza del controtenore…. Quando è da sola, come nell’aria di Romilda e di Teofane, sa alternarsi con grande sensibilità agli strumenti musicali producendo momenti di bella intensità musicale… Alla fine è evidente l’entusiasmo del pubblico, che sollecita un bis. 
Sergio Zolli (IL MESSAGGERO VENETO, 19 novembre 2006)
 

 
ANTONIO E CLEOPATRA, LA PASSIONE ESPLODE IN PIENO SETTECENTO al Gonfalone
Stasera impreziosisce la già ricca stagione del Gonfalone con un’altra deliziosa rarità come la serenata drammatica Marc’Antonio e Cleopatra del "caro sassone” Johann Adolph Hasse eseguita in una aristocratica villa a Napoli nel 1725 con il ventenne Carlo Broschi, Farinelli, il più famoso degli evirati cantori settecenteschi, nei panni della avvenente regina egiziana…. I ruoli del triumviro romano E della deduttiva Cleopatra saranno oggi sostenuti dal noto sopranista Angelo Manzotti e dal dotato soprano russo Alla Gof, già applaudita nella non meno drammatica e perentoria regina cartaginese nella Didone abbandonata di Galoppi allo Sperimentale di Spoleto
(Il TEMPO, 3 aprile 2008) 
 

 
 
MUSICA CLASSICA - IL TRONFO DEL BEL CANTO 
Oggi in Italia viene eseguito poco, ma con Scarlatti ed Haendel è stato il campione dell’opera italiana nella prima metà del Settecento: Johann Adolph Hasse, il "caro sassone”, ovvero il bel canto per eccellenza…Viene proposta, con le voci del sopranista Angelo Manzotti e di Alla Gof, la rara serenata Antonio e Cleopatra, che fu cantata dal grande evirato Farinelli. 
Alfredo Gasponi (IL MESSAGGERO, 3 aprile 2008) 
 

 
ANTONIO E CLEOPATRA BAROCCHI 
(Gonfalone – Una rara serenata drammatica a due voci di Hasse)
Una rarità che fu cantata dall’astro del belcanto, l’evirato cantore allora ventenne Carlo Broschi, detto il Farinelli, e dal contralto en travesti Vittoria Tesi, L’esecuzione ora è affidata al sopranista Angelo Manzotti ed al soprano russo Alla Gofdistintosi lo scorso anno allo Sperimentale di Spoleto nel ruolo principale della Didone abbandonata di Galuppi
Flavia Vitale (CORRIERE DELLA SERA, 3 aprile 2008) 
 

 
 
DA NON PERDERE - GONFALONE 
All’Oratorio del Gonfalone interessante concerto … con la Cantata del tedesco Johann Adolf Hasse Antonio e Cleopatra andata in scena la prima volta a Napoli nel 1725. Qui è con i solisti Alla Gof e Angelo Manzotti. 
Landa Ketoff (LA REPUBBLICA, 3 aprile 2008) 
 

 
MARC’ANTONIO E CLEOPATRA 
Il giovane e bel soprano russo Alla Gof sovrasta il sopranista Angelo Manzotti. La Gof ha un’emissione perfetta ed una notevole capacità di ascendere a tonalità acute e discendervi…. 
Giseppe Pennisi (OPERACLICK, aprile 2008) 
 

 
MARC’ANTONIO E CLEOPATRA (pubblicato da Patrikpen) 
Il giovane e bel soprano russo Alla Gof (già ascoltata al Lirico Sperimentale di Spoleto) …ha un’emissione perfetta ed una notevole capacità di ascendere e discendere dal registro acuto
(OPERACLICK, domenica 6 aprile 2008) 
 

 
IL SETTECENTO DI HASSE E QUELLO DI LUCIO DALLA
Per pura coincidenza due lavori settecenteschi, quasi contemporanei (uno del 1725 e l’ altro del 1728) sono andati in questi giorni simultaneamente in scena a Roma e Bologna. Marc’Antonio e Cleopatra di Johann Adolf Hasse e The Beggar’s Opera di John Gay e Wiliam Pepusch…. Il lavoro di Hasse è stato presentato per una sola serata all’Oratorio del Gonfalone.. Bastano i costumi settecenteschi ed un minimo di regia per ricreare l’atmosfera del 1725…. Quindi quasi a gratis si è ricreata l’atmosfera; il resto l’hanno fatto l’eccellente Ensemble e i due cantanti (specialmente il soprano Alla Gof). 
Hans Sachs (IL VELINO, 4 aprile 2008)
 

 
SINFONIE D’AUTORE 
… giovane ma dotato soprano russo Alla Gof, che anche questa volta, dopo la Didone di Galuppi allo Sperimentale spoletino, ha confermato doti davvero non comuni nella cristallinità della emissione come nella morbidezza delle agilità in tutta l’ampiezza del registro, conferendo credibilità alla sfaccettato ruolo della determinata regina egizia… 
Lucia Pacella (CITTA' MESE, aprile-maggio 2008) 
 

 
Teatro Nazionale 
Oggi in scena le avventure dell’eroe omerico protagonista di Iliade e Odissea Ulisse Il musical per le scuole …stamattina alle 11, nel Teatro Naziona­le, entro la stagione del Te­atro dell’Opera, andrà in scena per le scuole dell’ob­bligo in prima assoluta «Ulisse, un’avventura sen­za tempo»… Ne è evidente la finalità pedagogica, cui il nostro ente lirico dedica tante sue forze, nel progetto di formazione «La magia dell’opera» che quest’anno raccoglie - nel settore di­dattico curato da Nunzia Nigro - 1800 ragazzi, sotto la tutela dell’Unesco. Gudluna è il giovane soprano russo Al­la Gof dalla voce bella e magnificamente imposta­ta, mentre Gabriele Bru­schi sarà il protagonista Ulisse-Matteo. Lo spettaco­lo è multimediale: recitazione, danza (curata da Manuel Parrucini), canto e videogame troveranno uni­tà nella musica di Adriana Del Giudice, elettronica, rock, barocca e vivaldiana, e nella regìa di David Haughton esperto del teatro-danza di Lindsay Kemp. 
Paola Pariset (IL TEMPO, Giovedì 15 Maggio 2008) 
 

 
MARC’ANTONIO E CLEOPATRA A ROMA 
Nel ruolo della regina egizia il soprano Alla Gof ha dato prova di maturità nel misurarsi con lo stile di canto barocco, di precisione e gusto negli abbellimenti. Bello il rilievo dato per esempio a un’aria di grande fascino come "Quel candido ermellino”, ma gli esempi da citare potrebbero essere anche altri…. 
(L’OPERA, maggio 2008) 
 

 
ANTONIO E CLEOPATRA AI TEMPI DEL BAROCCO 
Oggi pomeriggio per ì Concerti di Tor Vergata l’Aula Magna detta facoltà di Lettere ospita…una rara cantata barocca dal giovane Johann Adolph Hasse, il «caro sassone» a Napoli nel 1725. Si trattò del debutto per il compositore tedesco, che si era perfezionato con Scarlatti, e di un ruo­lo di prima importanza per il ventenne Farinelli (nel ruolo di Cleopatra), che questa volta sarà affidato al valente soprano lirico coloritura Alla Gof
(Università di Tor Vergata) 
 

 
CHE BELLA GARA DI CANTO TRA ANTONIO E CLEOPATRA 
Raffinata esecuzione di Hasse all’Oratorio del Gonfalone 
… la serenata di cui si parla, la cui moderna esecuzione ha avuto nel noto sopranista Angelo Manzotti (vincitore di numerosi riconoscimenti internazionali) il degno emulo del famoso castrato, in un ruolo tra i più impervi, avendo nel giovane soprano russo Alla Gof una partner all’altezza per musicalità, bellezza di timbro, solidissima preparazione… Vivissimi applausi. 
Ivana Musiani (IL MONDO DELLA MUSICA, giugno 2008) 
 

 
I CONCERTI  ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE DI NAPOLI 
I luoghi della musica tra libri e astri In dicembre al Palasport di Broccostella (FR) Alla Gof è unica ospite femminile in un Galà lirico in onore di Evan Gorga, primo tenore di Bohème nato appunto a Broccostella. 
(www.bnnonline.it, 26 maggio 2008) 
 

 
CANTATRICI ED EVIRATI IN TRIONFO 
…Al prestigioso complesso romano era affidato … il glorioso Settecento italiano con la memoria delle sue irripetibili voci… Il talentato soprano russo (Alla Gof) aveva agio di brillare localmente sia in una impervia cantata haendeliana che in una rara pagina vivaldiana… 
Marta Antonelli (CITTA' MESE, giugno 2008) 
 

 
DAL CANTO ALLE SERATE CULTURALI
... nella parte di Cleopatra il giovane soprano russo Alla Gof… Con voce sicura, profonda e ben impostata, dalle bellissime sfumature iridescenti negli acuti, ella affrontava con piglio drammatico impervie fioriture e salti vocali della partitura…. 
Paola Pariset (LA NUOVA VOCE, ottobre 2008) 
 

 
"IL TRIONFO DEL TEMPO" 
 
Nel 250° anniversario della morte del grandissi­mo compositore sassone Georg Friedrich Haendel, il Festival di Pasqua diretto da Enrico Castiglione pre­senta stasera, nella Basili­ca dei S.S.Apostoli, una ra­rità del barocco musicale europeo: «Il Trionfo del Tempo e del Disinganno», oratorio sacro su testo del cardinal Benedetto Pamphili, che fu rappresentato a Roma nel 1707… Nel ruolo della Bellezza vi compare il soprano russo Alla Gof - la cui agile e smagliante voce è in specie adatta alle fioriture ba­rocche, come si è ascolta­to nel «Marc’Antonio e Cle­opatra» di Hasse al Gonfa­lone… Il concerto è uno dei più importanti dell’intero Festival. 
Paola Pariset (IL TEMPO, 7 Aprile 2009)
 

 
CONCERTO NELLA CHIESA DEI SANTI MARTIRI SERGIO E BACCO A ROMA 
La giovane cantante, Alla Gof ha incantato letteralmente tutti i presenti con la sua voce melodiosa, con le modalità esecutive. Particolarmente ha toccato l’anima la perla di arte popolare ucraina "usignolo” di Marko Kropivnitskyy. Il suo tono è brillante con voce meravigliosa e penetrazione nella profondità del significato del testo
Maria Bednarchuk (LA VOCE UCRAINA IN ITALIA, ottobre – novembre 2009) 
 

 
15° CONCORSO INTERNAZIONALE PER RUOLI LIRICI - PIERO SARDELLI  
11 e 12 marzo 2011 a Roma il 15° Concorso Internazionale Per Ruoli Lirici dalle opere: Le Nozze di Figaro di Mozart, Die Zauberfloete di Mozart, La Traviata di Verdi, Carmen di Bizet, L'Elisir d'Amore di Donizetti. Alla Gof - Finalista Assoluta. Giudizio della giuria: "La voce è perfetta per ruolo di Violetta da "La Traviata" di Verdi ed anche l'articolazione è perfetta".
V. Tymishak (12 marzo 2011)


Copyright © 2018. All Rights Reserved.